La Sigma riscrive la storia della pallavolo aversana: vittoria stoica contro la corazzata Emma Villas Siena

  • In

AVERSA – “La partita più bella della storia della pallavolo campana”: è questo il commento dei tifosi e degli addetti ai lavori dopo la vittoria della Sigma Aversa con la Emma Villas Siena. I normanni giocano una gara perfetta: zero errori, attaccanti super e pubblico che ha fatto la differenza. La squadra del presidente Sergio Di Meo ora è prima in classifica: si può sognare.

PRIMO SET. Parte Giacobelli al servizio, e fa subito male: errore in attacco di Siena e primo tempo a cento all’ora di Vigil ed è già 2-0. L’Emma Villas soffre in ricezione: mani e ‘asta’ di Simeonov ed è 5-1. Il muro di Fedrizzi riporta sotto i senesi (8-6). Il decimo punto della Sigma porta la firma di Santangelo, e ci sono tre lunghezze di vantaggio da amministrare. Break chiuso da Ferreira con l’ace e si impatta a 10. Primo vantaggio ospite quando Santangelo spara fuori in diagonale (11-12). Siena prova ad allungare (13-17) quando Spadavecchia trova un muro vincente. E coach Bosco richiama in panchina i suoi per un time-out: c’è bisogno di tranquillità. Il divario però non diminuisce, anzi aumenta quando ancora Spadavecchia trova il servizio vincente del 15-20. Ci prova Simeonov a riaccendere la speranza: muro e attacco vincente per il 19-23. Coach Bagnoli chiede ‘tempo’. Al rientro in campo l’opposto Ferreira regala ai suoi 5 set point. Ne vengono annullati due ma non il terzo: tocco di ‘seconda’ di Fabroni e si cambia campo 21-25.

SECONDO SET. C’è grande equilibrio nelle prime battute del parziale ma ad andare avanti è ancora una volta la Emma Villas che quando trova il decimo punto con Ferreira (bel mani e fuori) ha 4 punti di vantaggio da provare ad amministrare. L’ace di Fedrizzi (6-11) costringe coach Bosco a chiamare time-out. Al rientro in campo un punto alla volta la Sigma recupera terreno ed impatta a 13 col video check che dà ragione alla formazione del presidente Di Meo. Poi si va punto a punto e quando Santangelo stampa il +2 normanno (17-15) coach Bagnoli corre ai ripari: time-out. Quando però Spadavecchia ferma l’attacco di Aversa la Emma Villas torna avanti (19-20). E’ anche una sfida di nervi: Ferreira spara fuori ed è nuovamente avanti Aversa (21-20). I primi set point sono della Sigma: Santangelo trova le mani del muro per il 24-22. Bagnoli si gioca il secondo ‘discrezionale’. Ma non basta: pallonetto delicatissimo da ‘4’ in ‘2’ di Simeonov e 1-1 (25-23).

TERZO SET. Partenza da urlo della Sigma anche nel terzo set: muro di Pinelli su Melo e immediato +2 normanno (4-2). Quando Vedovotto trova l’ace (pallone che tocca la rete e cade nella metà campo di Aversa) la contesa torna in parità (7-7). Ma arriva immediato il break dei padroni di casa: servizio vincente di Giacobelli e nuovo +3 (10-7). A questo punto coach Bagnoli ci vuole ragionare un po’ e richiama i suoi atleti in panchina. Ma al rientro in campo Simeonov si prende gli applausi del calorosissimo PalaJacazzi con uno splendido mani e fuori e poi è ancora Giacobelli a siglare l’ace del 12-7. Sul successo pallonetto out di Melo (13-7) Bagnoli si gioca anche il secondo ‘tempo’. La Emma Villas però non demorde e con Ferreira (ace) trova il -4 (15-11). Ma è un fuoco di paglia: Pinelli di ‘seconda’ piazza il 19-12 facendo esplodere di gioia i circa 1000 tifosi presenti al palazzetto. Siena però è dura a morire: ancora un servizio vincente, questa volta con Fabroni, ed è nuovamente -4 (20-16). Bosco ferma tutto per trasmettere fiducia ai suoi. E da questo momento in poi è monologo normanno: Vigil annichilisce l’attacco ospite con un muro nei 30 centimetri: 23-17. La successiva invasione toscana regala 7 set point ai ragazzi di Bosco. Quando Spadavecchia batte out (25-18) si gira campo con Aversa in vantaggio nei set.

QUARTO SET. C’è un equilibrio incredibile nel quarto parziale: nessuna delle squadre riesce a prendere il largo. La prima a provarci è quella di coach Bagnoli che grazie ad un break positivo con Fabroni al servizio riesce a conquistare il primo doppio vantaggio (8-10). L’ace di Libraro riporta la sfida in parità (10-10). Siena prova a scappare (11-13) ma ci pensano stesso i toscani a riportare la gara in parità: rosso per proteste e 13-13. Poi è punto a punto. L’arbitro poi non chiama due ‘doppie’ a Siena e la Sigma va sotto di 2 punti (17-19). Bosco per evitare contraccolpi psicologici chiama time-out. Al rientro in campo i tifosi si spostano dagli spalti ed arrivano a bordo campo: è il loro calore a spingere Aversa ad un break terrificante ed al sorpasso (20-19). Questa volta è Bagnoli a chiamare ‘tempo’. Il primo set point è di Siena (23-24). Ferreira però sbaglia al servizio e si va ai vantaggi. Sul successivo errore al palleggio di Fabroni Aversa conquista il match point. E Bagnoli sfrutta il suo ‘tempo’. Ma a festeggiare è la Sigma Aversa: chiude Libraro in diagonale. E’ 26-24. Aversa è prima.

SIGMA AVERSA – EMMA VILLAS SIENA 3-1 (21-25; 25-23; 25-18; 26-24)

SIGMA AVERSA: Pinelli 2, Boesso 1, Santangelo 21, Vacchiano (L1), Grassi, Vigil Gonzalez 9, Libraro 13, Simeonov 10, Catena ne, Montò ne, Baldari ne, Marra ne (L2), Giacobelli 8. All. Bosco. Secondo all. Passaro

EMMA VILLAS SIENA: Fabroni 5, Bargi 4, Spadavecchia 10, Vedovotto 2, Gradi, Giovi (L1), Ferreira 20, Graziani ne, Braga, Nemec ne, Pochini(L2), Di Tommaso, Fedrizzi 14, Melo 8. All. Bagnoli. Secondo all. Cruciani

ARBITRI: Danilo De Sensi di Catanzaro e Walter Stancati di Cosenza

Attachment

IMG_2873